SINDROME DELLO STRETTO TORACICO

  • 30/04/2019

 

STRETTO TORACICO

 

SINDROME DELLO STRETTO TORACICO

La sindrome dello stretto toracico è un insieme di sintomi e segni causato dalla compressione dei vasi sanguigni o dei nervi passanti per lo stretto toracico.

Anatomicamente è un restringimento fisiologico delimitato dalla prima costola, dalla clavicola, dai muscoli scaleni (mediano e anteriore), dal muscolo succlavio e dal muscolo piccolo pettorale.

All’interno di questo restringimento decorrono il sistema di vasi sanguigni arteria-vena succlavia e il plesso brachiale.

Il sistema arteria succlavia – vena succlavia e il plesso brachiale rappresentano, rispettivamente, i vasi sanguigni che servono gli arti superiori e la rete nervosa preposta all’innervazione, sia sensitiva sia motoria, degli arti superiori.

LE CAUSE

Le cause scatenanti questi disturbi sono attribuibili a posture errate, tensioni miofasciali limitrofe o a distanza, presenza di alterazioni anatomiche congenite, traumi, attività ripetitive.

I sintomi variano a seconda che la compressione riguardi i nervi o i vasi sanguigni. In genere, tuttavia, il dolore è un sintomo comune a entrambe le situazioni.

Possiamo avere inoltre:

-Intorpidimento e formicolio al braccio o alle dita

-Dolore al collo, alla spalla o alla mano

-Presa debole

-Alterazioni del colore della pelle

-Dolore e/o gonfiore al braccio

-Pallore che interessa, inizialmente, poche dita, ma che poi si estende in tutta la mano

-Sensazione di gelo alle dita, alla mano e/al braccio

-Dolore al gomito e al braccio

-Sensazione di estrema stanchezza al braccio, dopo un’attività anche molto leggera

Biomeccanicamente per cause posturali, di attitudine lavorativa o sportiva ci possono essere delle tensioni o delle fissità tra le strutture che delimitano lo stretto toracico (prima costa, scaleni, clavicola, piccolo pettorale ecc) che andranno a perturbare il passaggio delle strutture al loro interno causando i sintomi sopracitati.

L’INTERVENTO DELL’OSTEOPATIA

L’Osteopata può rappresentare un valido aiuto in queste situazione; egli infatti esaminando la funzione e la mobilità della prima costa, di tutta la giunzione cervico-dorsale vertebrale e di tutte le strutture miofasciali ad essa collegate aiuta ad allentare la compressione biomeccanica sui nervi e vasi sanguigni favorendo il ritorno all’ equilibrio e alla fisiologia.

 

©2016 PHYSIOLIFE A.P.F.C. Via Eduardo de Filippo 127 Velletri - P.IVA 10532881009

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.