COSA FARE IN CASO DI CONTRATTURA MUSCOLARE DOLOSA

  • 24/07/2016

miofibrolisi

Purtroppo la contrattura muscolare può venire mal interpretato e riferito a patologie “classiche”, che in realtà, come tali, in questi casi non esistono: lombosciatalgia, sciatica, cervicobrachialgie, artrosi lombare e cervicale, malattie dei tendini o addirittura dei visceri. 

In particolare il muscolo in certe situazioni può generare una tensione eccessiva che se prolungata può dare origine a contratture a volte molto dolorose e invalidanti. Ci troviamo di fronte in questo caso alle cosiddette sindromi dolorose miofasciali, che possono accompagnare altre malattie reumatiche o presentarsi da sole.

In questi casi si utilizza la miofibrolisi diacutanea è una metodica messa a punto da un fisioterapista svedese, Kurt Ekman.

COS’È LA MIOFIBROLISI DIACUTANEA

La miofibrolisi diacutanea cerca di avviare o accelerare il processo di riassorbimento, riportando il tessuto in condizioni di normalità.
Viene utilizzata per il trattamento di patologie miofasciali. In Italia i primi lavori medico scientifici che riportano la validità e la sicurezza di questa metodica risalgono alla fine degli anni 60. Da allora diverse pubblicazioni hanno dimostrato l’efficacia della metodica.
La miofibrolisi diacutanea è una metodica utilizzata in medicina manuale, di notevole interesse in ortopedia, in reumatologia ed in fisiatria, in quanto si rivela utile, ed a volte insostituibile, in situazioni morbose di difficile trattamento, interessanti i tessuti molli o fibrosi para e peri-articolari.

GLI STRUMENTI

Gli attrezzi utilizzati comprendono, oltre ai ganci, altri sussidi terapeutici. Si tratta di attrezzi studiati appositamente per il trattamento più dolce e meno traumatico delle nodosità, fibrosità muscolari, trigger points o PAM (Punti Algici Miofasciali). L’arsenale terapeutico a disposizione del terapista, consente di lavorare su tutti i distretti muscolari, sulle loro origini e inserzioni, sui legamenti, sull’osso e periostio, rimuovendo processi di fibrosi e inducendo un rilasciamento muscolare e fasciale con conseguente miglioramento della mobilità articolare.

Noi consideriamo la mfx una tecnica assolutamente valida e facilitante per la risoluzione rapida di una contrattura dolorosa e anche di moltissime altre problematiche, e molto spesso può dare risultati sorprendenti in pochissime sedute di trattamento. La Miofibrolisi Diacutanea può essere anche utilizzata come trattamento coadiuvante o preparatorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

©2016 PHYSIOLIFE A.P.F.C. Via Eduardo de Filippo 127 Velletri - P.IVA 10532881009