IPERLORDOSI LOMBARE, QUANDO SI PRESENTA E COME CURARLA

  • 23/03/2017

iperlordosi-lombare

 

L’ Iperlordosi lombare è una malformazione che colpisce la colonna vertebrale causando l’aumento della curvatura lordotica cioè la coda della colonna spinale, situata nella zona sacrale.

In particolare l’iperlordolsi lombare, si ha un’accentuazione della curva fisiologica, e il tratto lombare diventa più curvo e sporto in avanti, con un angolo maggiore di 40 – 50°.

Le persone affette da questa patologia manifestano un bacino rivolto verso l’esterno e una sporgenza addominale, che spesso è accompagnata dal rialzo dei glutei e dalla scoliosi. Il disturbo colpisce già in tenera età, ma in tanti casi, può comparire negli adulti in seguito a postura scorretta e cattive abitudini.

 

QUALI SONO LE CAUSE

Le cause dell’ Iperlordosi lombare possono essere svariate, e le più comuni sono riportate qui di seguito:

 

  • Postura sia quando si è seduti, ad esempio se si lavora molte ore davanti al computer, sia quando si è in piedi, ad esempio se si tende a caricare il peso del corpo da un solo lato.
  • Problemi ossei quali osteoporosi ed artrosi.
  • Ernia del disco , Debolezza della muscolatura del tratto lombare e paravertebrale che non sostiene adeguatamente le vertebre.
  • Fattori congeniti: se per la maggior parte delle persone l’iperlordosi insorge con l’età alcune, per quanto raramente, nascono con questo tipo di problema. In questi casi di una patologia congenita, che va trattata e gestita differentemente rispetto alle altre forme di iperlordosi lombare
  • Traumi: sono diversi i traumi che possono generare un problema di iperlordosi, da semplici fratture fino a danni e traumi più importanti a carico della colonna vertebrale (anche alcune ernie possono causare iperlordosi lombare)
  • Obesità: nelle persone con problemi di obesità il baricentro del corpo risulta completamente alterato e questo si traduce in uno sforzo supplementare per la schiena, già gravata dal peso in eccesso, proprio in corrispondenza della fascia lombare. Questo  è un problema tipico anche delle donne in gravidanza.
  • Problemi muscolari: le persone affette da rachitismo o che comunque presentino una muscolatura insufficiente a livello lombare sono particolarmente predisposte al rischio di insorgenza di iperlordosi lomabare

 

TRATTAMENTO

 

Nella cura dell’ iperlordosi lombare si consiglia di unire l’attività fisica alla Ginnastica Posturale, adottando, nei casi più gravi.
Nel caso dell’iperlordosi l’attività sportiva è fondamentale per lavorare sulle fasce muscolari coinvolte da questo disturbo mentre la ginnastica posturale funge un ruolo rieducativo che ha un valore fondamentale per un buon recupero da questo disturbo.

 

Inoltre, se si conduce una vita sedentaria e si è in sovrappeso, è necessario iniziare una dieta, che porterebbe la schiena ad assumere nuovamente una posizione regolare, e fare sport.

Se l’iperlordosi ha una forma più grave è necessario provare diversi rimedi, che si possono eseguire anche contemporaneamente. Eccone alcuni:

  • Sedute da un Osteopata specializzato.
  • Sedute di Riflessologia plantare: questo particolare massaggio ai piedi può portare benefici incredibili alla schiena e alla colonna vertebrale.
  • Esercizio costante e i giusti tutori è possibile ridurre e addirittura eliminare l’iperlordosi lombare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

©2016 PHYSIOLIFE A.P.F.C. Via Eduardo de Filippo 127 Velletri - P.IVA 10532881009