Physiolife Velletri

L’IMPORTANZA DELL’ASTRAGALO NELL’ARTICOLAZIONE DEL PIEDE

L’IMPORTANZA DELL’ASTRAGALO NELL’ARTICOLAZIONE DEL PIEDE


L’astragalo, o talo, è una delle sette ossa che costituiscono il tarso del piede. Insieme alle ossa metatarsali (scafoide, cuboide, cuneiformi e metatarsi) ed alle falangi formano l’impalcatura scheletrica dei piedi dell’essere umano.

Questo insieme osteo articolare permette al piede di compiere movimenti complessi su diversi piani dello spazio:

  • flesso-estensione (flessione dorsale e flessione plantare)
  • abduzione ed adduzione
  • rotazione interna-esterna (supinazione e pronazione)

Le articolazioni del piede hanno inoltre l’importante compito di adattarlo alle asperità del terreno modificandone la forma del piede stesso, e di creare tra suolo e gamba un sistema di ammortizzatori che dia al passo elasticità e scioltezza.

LA CARATTERISTICA DELL’ASTRAGALO


In questa ottica rientrano le straordinarie capacità dell’astragalo, elemento osseo di forma irregolare che ha come caratteristica la totale assenza di inserzioni muscolari. L’astragalo non è pertanto soggetto a nessun tipo di influenza muscolare, caratteristica essenziale per garantire a questo osso totale efficacia nella distribuzione dei carichi in più direzioni: anteriore ed interno (25%) tramite arco interno, anteriore ed esterno (25%) tramite l’arco esterno e posteriore (50%) tramite il calcagno.

Risulta quindi facile intuire come qualsiasi perturbazione del movimento dell’astragalo e delle strutture attigue vada ad inficiare la capacità del piede di distribuire i carichi e di gestire le forze anche durante una semplice passeggiata, determinando sovraccarichi funzionali locali e/o a distanza.

I sintomi locali riscontrabili sono:

  • Dolore
  • Blocchi articolari
  • Gonfiore
  • Limitazione dei movimenti
  • Rumori articolari
  • Lieve zoppia, difficoltà al carico

L’INTERVENTO DELL’OSTEOPATIA


L’osteopatia, tramite una minuziosa valutazione della biomeccanica del piede e dell’intero arto inferiore e mediante determinate tecniche manipolative, può ripristinare un corretto equilibrio e dunque una corretta efficacia di questo affascinante complesso articolare.